Anno scolastico 2020/2021 Foto di classe

Ospitiamo molto volentieri questa “foto di classe in periodo di pandemia” scattata dall’insegnante di scienze

La resilienza dei ragazzi italiani, già a 12 anni, è sorprendente. Eccoli che sorridono!
Il passaggio dalla primaria alla secondaria di primo grado, avvenuto da poco e in condizioni già difficili, poteva bastare: dalle due o tre maestre a nove professori, ambiente nuovo, regole diverse, materie da approfondire e materie completamente nuove… un orario, quello che ho potuto osservare io da insegnante, che potrebbe essere lungo anche per un adulto: una sezione in cui tre volte alla settimana si resta alla mensa tutti insieme perché, a partire dalle 8, si va a casa alle 16,45.

C’era una volta chi, dopo tante ore seduto su una sedia, andava tranquillamente in palestra a drenare un po’ di tossine accumulate nella giornata o da un amico, ma quest’anno, come l’anno scorso, ciò non era affatto scontato.
E così, dalla sedia in classe, la cosa più probabile era passare alla sedia in casa, facendo eventualmente i compiti in solitudine, oppure videogiochi.

Fare amicizia, amalgamarsi… piuttosto complicato! Nessun lavoro a gruppi, se non a distanza. La distanza è stato il dictat osservato per tutto il tempo, anche per chi, come R., avrebbe sempre tanto bisogno di vicinanza e di sentire calore umano e a volte, di essere contenuto nelle sue crisi che lo portano a comportarsi in modo oppositivo, o di una voce affettuosa ma ferma e chiara, cosa impossibile dovendo mantenere sempre le mascherine.

Osservando tutte le dovute regole per ore e ore, mantenendo la finestra aperta anche in inverno e portando a volte una coperta da casa per imbozzolarvisi ed evitare un raffreddore, siamo rimasti però sempre in presenza da settembre fino a fine febbraio e pensavamo di avercela fatta “ormai, potendo tenere gli ambienti più aperti, andando verso la buona stagione, il peggio deve essere passato…” si sperava. Invece no. Nel nostro gruppo non c’erano casi, ma la regione è stata inserita in zona rossa. Di punto in bianco, quasi senza neppure avere il tempo di salutarci, ci siamo trovati ognuno chiuso nella sua casa, di nuovo in didattica di emergenza. Anche stavolta, abbiamo trovato tante attività per impegnare bene la mente e il cuore: abbiamo partecipato a concorsi, montato video, utilizzato applicazioni intelligenti… però R. ha cominciato a sparire. Come mai manca R.? Nessuno lo sa di preciso. Comunicare coi suoi non è semplice, la sua linea wifi va e non va… e allo stesso modo altri compagni, con problemi tecnici e meno seguiti a casa, diventano difficili da raggiungere. Il prezioso percorso quotidiano per imparare a stare insieme lavorando, inizia presto a perdersi, perché a 12 anni pare ci sia ancora tanto bisogno di presenza fisica per crescere e imparare

Dopo due mesi abbondanti, è tornato il sereno e siamo riusciti a rivederci in classe, sempre con le attenzioni, le restrizioni, ma stavolta riuscendo a finire l’anno. “Che respiro!! Arrivati alla mèta!! Un altro anno senza gite, senza uscite insieme, senza laboratorio … ma con tanta forza di volontà, tante attività alternative comunque riuscite, con vari argomenti in ogni caso affrontati bene…”

Quando mi capita di leggere o sentire parole sbrigative che giungono a volte fino a colpevolizzare i giovani riguardo la situazione di difficoltà generale in cui ci troviamo penso, con simpatia per loro: “come possono sopportare anche questo? Ci abbandoneranno giustamente quando saremo vecchi, appena potranno ci volteranno le spalle! Invece riescono a volerci bene ugualmente, a noi adulti. La resilienza dei ragazzi italiani, già a 12 anni, è sorprendente. Eccoli che sorridono!”

su facebook, 16 agosto 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...